Gatto Panceri – Mia

Quanto ti ho sentita mia
Quando siam rimasti cinque giorni a letto chiusi dentro casa mia
Quanto ti ho sentita mia
Quando ti ho spogliata e ti ho messo il pigiama
Quanto ti ho sentita mia
Dentro a quel vagone mentre il treno che fischiava ci portava via
E quanto ti ho sentita mia
Lungo strade assolate di periferia
Con le gomme bucate e le bici parcheggiate
Dietro un grosso cespuglio d’estate

Quanto ti ho sentita mia
Quando mi chiedevi prima di un esame di provarti a interrogare
Quanto ti ho sentita mia
Quando ti ho insegnato sopra il ghiaccio a pattinare
E quanto ti ho sentita mia
In quel vecchio ferroso letto di corsia
Mi stringevi la mano eri sotto anestesia
Io pregavo e per te stavo male
Tu sei mia, quando vuoi
Ma sei mia, mia
Tu vai via, tornerai
Perché sei mia

Quanto, tu non lo sai
Tu sei mia mia mia, mia mia mia, mia mia mia o no
Tu mi ami ami ami, ami ami ami, ami ami ami o no
Tu sei mia mia mia, mia mia mia, mia mia mia o no
Tu mi ami ami ami, ami ami ami, ami ami ami o no

E quanto ti ho sentita mia
Anche quando mi hai detto “io devo andare via”
E hai gridato “è finita”, ma era una bugia
Prima o poi tu dovrai ritornare

Perché sei mia, quando vuoi
Ma sei mia, mia
Tu vai via, tornerai
Perché sei mia
Mia, Dove vai?

Che sei mia
Quanto tu non lo sai
Quanto tu non lo sai
Tanto tu non lo sai

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: